Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TESTIMONE DI CAMORRA | Robero Battaglia: "Io, lasciato senza scorta, ora ho paura". IL VIDEO

09 / 06 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Ho paura". Parla, nella nostra intervista VIDEORoberto Battaglia che ha contribuito all'arresto di molti mafiosi importanti. Mentre a Ostia, dove vive, si apre il maxi processo contro il clan Spada

“Mi chiedo se ho fatto bene a denunciare la criminalità organizzata”. Roberto Battaglia si fa questa domanda da martedì scorso, quando lo hanno chiamato per dirgli che da domani, sabato 9 giugno, gli verrà tolta la scorta. Sta ancora aspettando una lettera ufficiale, ma Roberto ha comunque paura: “Sono ancora testimone in diversi processi importanti contro i fratelli Zagaria. Togliendomi la scorta lo Stato dimostra alla gente che i testimoni in questi processi possono sentirsi abbandonati”.

Imprenditore agricolo della provincia di Caserta, Roberto diventa testimone di giustizia nel 2008, quando per la prima volta denuncia Luigi Schiavone, cugino di “Sandokan”, boss del clan dei Casalesi. A questa sono poi seguite altre denunce. Potesse tornare indietro lo rifarebbe? “Considerando la giornata di oggi e tutto quello che ho perso non so se lo rifarei”, dice.

Ora Roberto lavora a Ostia, dove gestisce i forni sequestrati al clan dei Fasciani. “È una situazione molto difficile perché nell’ambiente di Ostia non è stata preso positivamente il fatto che non fossero più i Fasciani a gestire i fondi. Hanno fatto in modo che sempre meno persone venissero a comprare da noi, quindi è dura”.

“La gente ha paura e cerca in tutti i modi di trovare una soluzione diversa da quella di denunciare. Le istituzioni devono rendersi conto che qualcosa deve cambiare, che non basta chiedere alla gente di avere coraggio”, dice Roberto quando gli parliamo del maxi processo contro il clan Spada, appena partito a Ostia, e delle vittime che non si sono costituite parte civile. Un segno evidente del clima di paura in cui si vive qui.

“Oggi la gente pensa alla propria famiglia, ai propri figli e questo viene prima di qualsiasi cosa”. Roberto, però, ha trovato il coraggio di denunciare. “Io non ce la facevo più a subire umiliazioni e ricatti. Per il cittadino credere nello Stato è l’ultima chance. Si arriva a denunciare quando proprio non ce la si fa più”. Da domani probabilmente non avrà più la scorta e sta pensando di andare via dall’Italia perché “qui non mi sento protetto”, Nonostante tutto questo, Roberto continua a testimoniare. Come farà il 19 giugno davanti alla Corte d’Appello di Napoli: “Farò il mio dovere, anche se non sarò più tutelato”.

Roberto Battaglia denuncia casalesi testimone
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.