Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TRAGEDIA IN PIENO CENTRO | Donna investita ed uccisa da un SUV: fermato il pirata della strada

14 / 08 / 2018

|

Antonio Bruno

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' stato fermato in queste ore l'automobilista che venerdì scorso ha investito ed ucciso Rosa Esposito, 82enne di Aversa, mentre stava attraversando la strada in via Di Jasi.

Il pirata della strada, il 42enne di San Cipriano d’Aversa, che era alla guida di un SUV Audi Q7 di colore nero, era scappato subito dopo l'investimento. La sua vettura, però, era stata ripresa dalle telecamere e grazie ad un lavoro certosino di vigili urbani e carabinieri, oltre ad un testimone oculare, si è riusciti a rintracciarlo. Si tratta di un uomo dell'agro aversano che pare si fosse allontanato dalla provincia di Caserta per sfuggire alla cattura. 

Si era nascosto in una casa sul mare in provincia di Salerno il 42enne ed è ipotizzabile che nella stessa giornata dell’incidente mortale, il 42enne abbia lasciato la provincia di Caserta, trasferendosi a Castellabbate, dove è stato fermato questa mattina.

Forse aveva pensato di averla fatta franca ma le indagini condotte dai vigili urbani e dai carabinieri di Aversa non gli hanno dato scampo. 

Grazie alle telecamere posizionate in città ed al riscontro di altri elementi che oggi sono ancora coperti dal segreto istruttorio, gli inquirenti sono riusciti a risalire prima all’automobile, un’Audi Q7 di colore nero con targa spagnola, ed infine all’automobilista pirata, che ora è in stato di fermo con l’accusa di omicidio stradale ed omissione di soccorso.

Un lavoro congiunto, quello di carabinieri e polizia municipale, che è servito per chiudere il cerchio, attorno ad un caso non di semplice soluzione, in 5 giorni. E' accusato di omicidio stradale ed omissione di soccorso.   

Contestualmente al fermo dell’automobilista è stata rinvenuta anche l’automobile coinvolta nell’incidente. E’ stata ritrovata in provincia di Napoli.

 

rosa esposito investita aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.