Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SI DA FUOCO NEL FURGONE | L' ultima lettera disperata su Facebook

15 / 02 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Non è stata una scelta improvvissata, ma una decisione presa con grande lucidità. Un matrimonio finito con la separazione e due figli. Non riusciva a darsi pace Salvatore Avellino Salvio, 43enne di Casoria che questa notte ha deciso di farla finita procurandosi una bombola di Gpl e quindi mandando in fiamme il suo furgone  ed il suo corpo in Via Clanio ad Orta di Atella. (LEGGI QUI)

 

Alle 4 di questa notte ha lasciato il suo addio a Facebook. Nulla hanno potuto fare i suoi amici per fargli cambiare idea: “Tutto ha una fine nulla dura in eterno. Non chiedo comprensione a nessuno ne voglio giustificare il mio gesto, come ogni decisione che si prende ha le sue motivazioni. La mia scaturisce dalla completa sconfitta che mi sono procurato nella mia vita, ho commesso tanti errori, ho creduto di stare nel giusto quando vivevo nello sbaglio, non ho avuto rispetto per me stesso né per gli altri e ancora errori giudicati dagli altri. Tante cose più o meno importanti prese con tanta leggerezza. Come tante cose pensate e fatte con il cuore rovinate con il mio comportamento sbagliato distruggendo ogni evento. Sicuramente il mio comportamento è stato la causa della mia distruzione che giorno dopo giorno mi ha isolato da tutti. Oggi mi ritrovo con nulla, sia in me che intorno a me. Il vuoto che mi circonda non può essere più riempito, la colpa è tutta mia. Non ho più nulla. Anche se con tanto ritardo chiedo scusa a tutti coloro che ho fatto soffrire. La cosa più bella e importante della mia vita è stato generare i miei due figli, Giuseppe e Alessandra, ai quali non ho dimostrato nulla meritandomi un’altra sconfitta. Chiedo perdono a loro che non hanno nessuna colpa”.

 

Salvatore Avellino Salvio orta di atella morto
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.