Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Colpo di scena sul CASO SERENA MOLLICONE. Ecco qui le dichiarazioni di Izzo

19 / 11 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Altro colpo di scena sulla morte di Serena Mollicone. A parlare questa volta è l’ex procuratore capo di Cassino, Gianfranco Izzo. Il magistrato, primo togato della Corte d'Assise di Santa Maria Capua Vetere, punta il dito sui 'depistaggi' attuati dall'ex maresciallo dei Carabinieri Franco Mottola affinchè ad essere accusato dell'orribile omiicidio fosse il papà della studentessa liceale. Il dottor Izzo infatti in un'intervista a Frosinonetoday ha dichiarato: “Mai e poi mai avrei autotizzato nessuno a far prelevare un padre piangente davanti al bara della figlia. Anche se fosse stato un sospettato. Perchè prima di essere un magistrato sono un padre e un uomo. Nei mesi successivi a quella infelice scena trasmessa da tutti i media nazionali (tutti credettero che Guglielmo Mollicone fosse in procinto di essere arrestato ndr), convocammo il maresciallo Franco Mottola, in qualità di comandante della stazione di Arce -. Il magistrato titolare del fascicolo chiese a Mottola da chi avesse ricevuto l'ordine di far prelevare Mollicone dalla chiesa. Lui rispose 'forse dal dottor Izzo ma non ricordo'. In quel momento ho capito che dietro quella vicenda c'era dell'altro. Per questo preparai una relazione di servizio nella quale ho smentito ogni atteggiamento compiuto da quell'uomo nel corso delle indagini. Solo otto mesi dopo l'omicidio sono riuscito a farlo trasferire. Perchè nel frattempo abbiamo scoperto che il figlio era indagato per spaccio di sostanza stupefacente".

Santa Maria capua vetere Caso Serena Mollicone Funerali
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it