Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TUTTI I NOMI | Scandalo dei servizi sociali: 18 persone rinviate a giudizio

06 / 03 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Inizierà a giugno il processo per 19 indagati rinviati a giudizio, coinvolti nello scandalo degli appalti truccati nell’ambito socio sanitario C8 e che vede comune capofila quello di Santa Maria Capua Vetere.

Il gup ha rinviato a processo l’ex sindaco Biagio Maria Di Muro, 51 anni, per inquirenti promotore dell’associazione a delinquere, la sorella Annunziata Di Muro, 47 anni, Anna Pepe, 30 anni, la casertana 32enne Carmela Fusco, l’ex dirigente del Comune sammaritano Roberto Pirro, 58 anni, Giovanni Laurenza, 58 anni, tutti sammaritani, Nicola Santoro, 57enne di Casapulla, Nicola D’Auria, 63enne di Nola, Biagio Napolano, 48enne di Caserta, Salvatore Coppola, 46enne di Aversa, accusati dei reati di associazione a delinquere finalizzata a commettere reati contro la pubblica amministrazione.

A giudizio anche il 58enne di Curti Luigi Merola, Antonio Pirro, 63 anni, Ornella Pirro, 25 anni, Maria Rosaria Piccolo, 54 anni, Anna Romano, 44 anni, tutti sammaritani, indagati per truffa.

Peculato e falso ideologico sono le accuse per il 45enne di Salerno Giuseppe Cavaliere, mentre per turbativa d’asta sono imputati il 48enne beneventano Domenico D’Agostino e il 50enne di Calvi Risorta Enzo Giangregorio. Accusata di abuso d’ufficio Gina De Simone, 40enne di Caserta, anche lei a processo.

Il Comune di Santa Maria Capua Vetere si è costituito parte civile.

BIAGIO DI MURO SERVIZI SOCIALI santa maria capua vetere
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.