Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Schiappa crea il nuovo `partito dei sindaci` e lo presenta nella sede nazionale del Pdl

26 / 09 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Si è tenuta oggi presso la sede nazionale del Popolo della Libertà in via dell’Umiltà 36 a Roma, la conferenza stampa di presentazione del movimento dei sindaci e amministratori locali del Pdl. Un movimento che, attraverso un ‘nuovo contratto sociale’ tra cittadini, si propone di rilanciare il merito e la credibilità. Fra i promotori della iniziativa il sindaco di Mondragone Giovanni Schiappa che, insieme ad Alessandro Cattaneo – sindaco di Pavia, Guido Castelli – sindaco di Ascoli, Paolo Perrone – sindaco di Lecce, Pasquale Aliberti – sindaco di Scafati, Luigi Albore Mascia – sindaco di Pescara, Umberto Di Primio – sindaco di Chieti, Maurizio Brucchi – sindaco di Teramo, Nicola Ottaviani – sindaco di Frosinone, Roberto Visentin – sindaco di Siracusa, Oreste Perri – sindaco di Cremona e Marco Zacchera – sindaco di Verbania, ha illustrato i dettagli dell’azione dei sindaci Pdl nel corso della conferenza stampa. "L’Italia chiamò!" è una iniziativa di sindaci e amministratori locali del Pdl che si propone la rifondazione del centrodestra superando l’attuale stagnazione politica dovuta ad una classe dirigente avvitata su se stessa ed incapace di offrire soluzioni e prospettive. “La sfida posta oggi in termini costruttivi alla dirigenza del Pdl dai noi sindaci del PdL ha un significato preciso: recuperare il senso profondo della politica, inteso come servizio quotidiano” commenta Giovanni Schiappa. “Non è possibile più immaginare che le grandi scelte possano essere adottate da coloro che non hanno mai avuto o hanno perso da tempo il legame con gli elettori e, per di più, risultano essere insindacabili nelle azioni poste in essere”.  
Caserta Politica Gricignano d`Aversa Casal di Principe Casal di Principe Cesa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.