Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SEQUESTRATA LA SPIAGGIA | Bonifica illegale: in forse il Jova Beach Party a Castel Volturno

30 / 06 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il Jova Beach Party, l'evento che si terrà sulle più grandi spiagge d'Italia con Jovanotti, partirà il 6 luglio da Lignano e terminerà il 30 agosto a Viareggio passando per tutta la costa dello stivale.

L'unica tappa della Campania, quella del 13 luglio, è stata decisa a Castel Volturno ma è ancora in forse.
 
Succede, infatti, che i gestori del Lido Flava, la spiaggia dove dovrebbe esserci il concerto tra 13 giorni, per consentire l'istallazione del palco del Jova Beach hanno chiesto e ottenuto dall'agenzia del demanio una concessione temporanea della spiaggia limitrofa la propria. Si tratta di un lido abbandonato oltre dieci anni fa dai gestori, piegati dal costante inquinamento marino illegale che produce la vicina foce del canale fognario dei Regi Lagni.

Qui, da allora, fino all'intervento dei gestori del Flava che hanno bonificato il perimetro, veniva solo chi aveva il desiderio di liberarsi in maniera illegale di rifiuti. Per i carabinieri della stazione della forestale di Castel Volturno, intervenuti in zona per un controllo, però, i gestori del Flava non erano autorizzati alla bonifica , quindi l'area di 17mila metri quadri è stata sequestrata. I sigilli apposti dalla forestale renderanno impossibile montare tutte le attrezzature e il palco necessario a ospitare Jovanotti e i trenta artisti che lo accompagneranno nell'evento, fra cui Enzo Avitabile, Eduardo Bennato e Rocco Hunt. Per la tappa di Castel Volturno sono attesi 45mila fan.

Nessuna paura per i fan campani di Lorenzo Cherubini, lo assicurano gli organizzatori. «Lo show si farà, è già scattato il piano B», spiega Nicola Lino, local promoter del concerto. «Con i responsabili del lido ci eravamo limitati a dare una ripulita a una zona destinata ad accogliere alcune uscite di sicurezza. Una bonifica non autorizzata? Abbiamo trovato materiali portati dal mare e dal vento, ma anche sversati da mani umane ben poco civili se non dalla criminalità organizzata. Se abbiamo sbagliato in questo faremo ammenda, ma l'organizzazione non si ferma, abbiamo già iniziato a mettere mano al progetto alternativo. La zona in questione non è quella del concerto e recupereremo presto il piccolo ritardo provocato da questo contrattempo», conclude il manager.

Il concessionario del Lido Flavia, che ha in uso temporanea la zona, aveva infatti eseguito una bonifica non autorizzata, ammassando rifiuti: l'area è stata sequestrata e non può essere, almeno al momento, utilizzata.

Jova Beach Party castel volturno lido flava
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.