Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sequestrate 1500 paia di Hogan contraffatte, saranno destinate in beneficenza

04 / 10 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La Guardia di Finanza, al termine di una serie di controlli operati lungo l'area territoriale tra Napoli e Caserta, ha eseguito nelle ultime ore diversi interventi a sorpresa finalizzati all'individuazione di aziende produttrici di calzature con marchi contraffatti. Nel corso di una delle perquisizioni e' stata scoperta, in un seminterrato del Comune di Aversa, una fabbrica clandestina allestita per la produzione e il confezionamento di scarpe recanti il marchio "Hogan" contraffatto. La fabbrica, afferma una nota delle Fiamme Gialle, era protetta da un apposito sistema di videosorveglianza che, seppure perfettamente funzionante, non ha impedito ai finanzieri, opportunamente occultati, di irrompere all'interno del locale, dove sono stati sorpresi 9 cittadini italiani intenti alla produzione delle calzature. Nel seminterrato di oltre 200 metri quadrati, sono stati rinvenuti 19 macchinari tutti in funzione, 1.500 calzature complete, 10 cliche' contraffatti di metallo recanti il marchio "Hogan", 1.200 etichette "marcate" pronte per la cucitura e 30 rotoli di pellame. L'intero immobile e' stato sottoposto a sequestro e i 3 responsabili sono stati tratti in arresto. I 6 operai sono stati denunciati a piede libero per concorso nel reato di contraffazione. Sono in corso gli accertamenti patrimoniali. Una parte delle scarpe sequestrate, previa autorizzazione dall'Autorita' giudiziaria, private del marchio contraffatto, conclude il comunicato delle Guardia di Finanza, sono state donate a una locale associazione di volontariato che ha provveduto a distribuire le stesse a famiglie in difficolta' economica.
Cronaca Aversa S.M.C.V Casal di Principe Casal di Principe Lusciano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.