Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sesso a pagamento in ospedale a Caserta, l’Ipasvi chiede una indagine rapida

03 / 05 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


“Qui si sta infangando una intera categoria di lavoratori. Spero che vi sia una verifica celere, rapida, perchè sono convinto che laddove verificati i fatti compiuti da qualcuno non possano infangare un’intera categoria”. E’ un fiume in piena Mario Falco, presidente del Collegio Ipasvi di Caserta, che decide di intervenire sulle polemiche scatenate da La Radiazza,  il programma di Gianni Simioli, nel quale sono stati denunciati casi di prestazioni sessuali a pagamento nella struttura sanitaria dell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. “Certe affermazioni di una gravità assoluta - aggiunge Falco -suffragate dalla presenza di un esponente politico, avrebbero richiesto un accurato ed approfondito accertamento sulla veridicità delle stesse. Le dichiarazioni dell’intervistato, così come trasmesse, hanno suscitato la dura reazione di tutta la classe professionale infermieristica che si è vista lesa nel decoro e nella dignità che esprime quotidianamente nell’esercizio della propria professione”.

caserta sesso ospedale mario falco collegio ipasvi infermieri
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.