Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sicurezza: firmato protocollo per contributo alla videosorveglianza nella attività commerciali

30 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Firmato il protocollo di intesa tra l' Ufficio Territoriale del Governo, rappresentato dal prefetto Carmela Pagano e i presidenti provinciali della Confcommercio, della Confesersenti e della Federfarma al fine di dare attuazione al progetto di installazione di telecamere di sorveglianza in funzione antirapina, collegate con le sale operative delle forze dell'ordine, in quei negozi e imprese del Casertano che aderiranno.Il contributo sarà erogato alle imprese che acquisteranno e faranno montare sistemi di allarme e che sono in regola con i pagamenti del contributo annuale alla Camera di commercio.  Il presidente della Camera di Commercio Tommaso De Simone annuncia che "gli operatori che aderiranno avranno a disposizione un contributo stanziato con delibera dell'ente camerale nell' ordine del 50% delle spese che effetteranno per installare l'impianto (il costo complessivo è di circa 2500 euro, ndr), fino ad un massimo di 1248 euro. Fino a pochi mesi fa le lungaggini burocratiche - continua De Simone - scoraggiavano quegli imprenditori che volevano dotarsi di videosorveglianza, ma la circolare del ministero del Lavoro del 16 aprile scorso ha semplicificato l'iter prevedendo l'autocertificazione. Sono certo che molte delle 90mila imprese casertane iscritte coglieranno questa opportunità". Mario D'Anna, presidente dell'Ascom, plaude all'iniziativa e ricorda che "solo pochi mesi fa sono state perpetrate a Caserta parecchie truffe ai danni di esercizi commerciali con carte di credito clonate. Le telecamere scoraggeranno tanti balordi. "Il protocollo prevede anche l' installazione in strada di 10 telecamere collegate con questura e comando carabinieri in zone di elevata criticita'. "Penso a Caserta, ma anche ad Aversa - ha spiegato il questore Guido Longo - le telecamere verranno installate soprattutto in strade con maggior numero di negozi, farmacie e tabaccherie. Nei sistemi privati, invece, il meccanismo concepito è identico a quello già previsto per le banche". "Il numero delle rapine negli ultimi tempi - spiega Vincenzo De Lucia, presidente di Federfarma Caserta - è nettamente diminuito in tutta la provincia grazie a presidi di polizia presenti sul territorio e ora con le telecamere contiamo di aumentare i sistemi di allarme". "Il protocollo è stato concepito per tutelare categorie di commercianti che sono da sempre più esposti a rapine e furti", sottolinea il prefetto Carmela Pagano.
Caserta Economia Aversa Salute Salute camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.