Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Entra nel bar e spara al marito 'concorrente in affari': 5 colpi al petto per ucciderlo

14 / 09 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Tentato omicidio e detenzione e porto illegale di arma: sono queste le accuse che sono state rivolte a Carmela Migliaccio, 56 anni di San Marcellino, arrestata oggi al termine dell'interrogatorio seguito alla sparatoria di cui e' stata protagonista in mattinata. La donna, verso le ore 11,30, si e' presentata in un bar di piazza Municipio a San Marcellino ed ha esploso ben 6 colpi di pistola nei confronti del marito, Antonio Favarolo, 51 anni, imprenditore nel settore delle onoranze funebri. Cinque colpi hanno raggiunto l'uomo al torace, mentre il sesto lo ha mancato. La vittima e' stata immediatamente trasportata e ricoverata presso l'ospedale San Giuseppe Moscati di Aversa dove e' stato operato d'urgenza. L'intervento e' riuscito e Favarolo non e' in pericolo di vita.

La donna e' stata fermata immediatamente dai carabinieri intervenuti sul posto che l'hanno condotta in caserma per interrogarla e ricostruire quanto accaduto. L'evento potrebbe essere ricondotto a dissidi da tempo intercorrenti tra i due coniugi, relativi a questioni coniugali ed alla gestione di attivita' di onoranze funebri in San Marcellino in quanto  sussiste una situazione di concorrenza in ambito familiare, poiche’ la Migliaccio, che da alcune settimane ha lasciato l’abitazione coniugale, coaudiuva il figlio, nato da una precedente relazione, nella gestione di un’agenzia concorrente a quella del marito che invece  conduce con suo figlio. L’arma, con matricola abrasa, e' stata rinvenuta e sequestrata dai carabinieri sul luogo del tentato omicidio. La donna e' stata associata presso il carcere femminile di Pozzuoli. 

san marcellino arrestata carmela migliaccio moglie antonio favarolo ferito
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.