Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SUORE VIOLENTE | L' incredibile racconto dei bimbi maltrattati: costretti a mangiare il cibo da terra

29 / 06 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Cinque mamme hanno denunciato ai carabinieri le presunte violenze nei confronti dei loro figli da parte di 4 suore di un asilo della zona. Racconti identici, che gli investigatori hanno riscontrato anche grazie alle videocamere. Una scuola degli orrori, nella quale le "condotte vessatorie" erano "frequenti, variegate e reiterate" tanto da determinare in diversi bambini, tutti tra i 3 e i 5 anni, "deviazioni comportamentali significative"

C’erano i lividi, le ciocche di capelli che cadevano, i rossorisulle orecchie, le botte in testa. E diversi comportamenti strani, che prima i bambini non avevano mai manifestato. Alcuni, terrorizzati, non giocavano più a rincorrersi con i fratellini, altri non volevano più mangiare alcuni cibi, nonostante fossero i loro preferiti. La cotoletta, per esempio. Perché, lo ha raccontato una mamma ai carabinieri, la figlia le aveva detto che “le faceva perdere troppo tempo e se non mangiava in fretta la suora l’avrebbe messa in castigo lasciandola nella stanza al buio“.

In cinque si sono presentate nella caserma di San Marcellino,  per denunciare le presunte violenze nei confronti dei loro figli da parte di alcune suore di un asilo paritario della zona. Racconti identici, che gli investigatori hanno riscontrato anche grazie alle videocamere piazzate nella struttura tra il 5 aprile e il 30 maggio. Una scuola degli orrori, nella quale le “condotte vessatorie” – scrive il gip del Tribunale di Napoli Nord, Valentina Giovanniello, che ha disposto la sospensione dall’insegnamento di quattro sorelle per un anno rigettando i domiciliari chiesti dalla procura – erano “frequenti, variegate e reiterate” tanto da determinare in diversi bambini, tutti tra i 3 e i 5 anni, “deviazioni comportamentali significative”.

Anche perché le suore – due filippine, una indonesiana e la madre superiora italiana – agivano spesso per “futili motivi”, come la lentezza del mangiare, e avevano instaurato un “generale clima di vessazione e violenza fisica e psicologica”, si legge nell’ordinanza di applicazione della misura cautelare. Sono almeno una decina gli episodi “inequivocabili” di “sculacciate, pizzicotti, spintoni, sistematicamente utilizzati – scrive il gip – per riportare l’ordine o anche solo semplicemente farsi ubbidire”.

Lo scorso 18 maggio, ad esempio, le telecamere riprendono una delle suore mentre “sculaccia” un bambino, “lo spinge afferrandolo per il braccio” nella stanza accanto a quella nella quale si pranza e, dopo averlo lasciato lì per alcuni minuti, lo riporta a tavola cercando “di farlo sedere a tavola, sebbene (…) opponga strenua resistenza” e ad un certo punto “getti a terra l’occorrente per mangiare”. Subito, scrive il giudice per le indagini preliminari, la suora “gli dà un leggero colpo sul sedere, desistendo momentaneamente dal farlo sedere al banco”. Poco dopo, mentre gli altri bimbi mangiano, “lo stesso bambino (…) fa cadere il suo piatto con all’interno il pasto”, la suora “gli dà un colpo sul sedere e poi raccoglie il cibo da terra e lo rimette nel piatto” e poco dopo lo “costringe a mangiare il pasto caduto a terra poco prima (…) nonostante il bambino faccia resistenza, imboccandolo”.

violenza minori SUORE SCUOLA
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.