Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Terra dei fuochi, Realacci: serve videosorveglianza ed antincendi. La proposta presentata a due ministri

01 / 07 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dotate l'area della Terra dei fuochi, cioe' il nolano tra Napoli e Caserta, di un sistema di videosorveglianza e antincendio, soprattutto mettendo fine alla gestione emergenziale dei rifiuti. Questa la richiesta che il presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, rivolge ai ministri dell'Interno Angelino Alfano e dell'Ambiente Andrea Orlando in un'interrogazione sui roghi dolosi di rifiuti. ''L'emergenza rifiuti in Campania - osserva Realacci - sembra non finire mai: e' di ieri la notizia che un incendio doloso ha devastato per tre giorni le balle di rifiuti accatastate nella discarica di Novambiente a Giugliano (Na), sequestrata nel 2009 all'imprenditore Gaetano Vassallo, criminale ora pentito''. ''I roghi - spiega il deputato del Pd - hanno liberato dense colonne di fumo nero che, spinto dal vento, si e' sparso nel disinteresse generale su tutti i comuni vicini e sui campi coltivati. Pur trattandosi di una delle aree piu' inquinate d'Italia - prosegue Realacci - gia' dichiarata Sito di Interesse Nazionale dal Ministero dell'Ambiente e interessata anche in passato da numerosissimi incendi dolsi, e di siti sotto sequestro da parte della Magistratura, non risultano nelle zone colpite impianti antincendio, nemmeno bocchette per l'acqua a disposizione dei Vigili del Fuoco, impianti di videosorveglianza o recinzioni''. Ai ministri, conclude Realacci, ''ho chiesto quali iniziative urgenti intendano mettere in campo per mettere in sicurezza dai roghi il sito 'Sin' di Giugliano in Campania e tutta la tristemente nota 'Terra dei Fuochi''', anche per ''prevenire l'aggravarsi della situazione ambientale e di salute pubblica dell'area a nord di Napoli''.
terra dei fuochi ermete realacci proposta caserta caserta videosorveglianza
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.