Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Traffico di droga ed armi con la Sicilia, 40 arresti

09 / 07 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sono 42 in tutto le persone ritenute responsabili, di associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti ed al possesso e detenzione di armi da fuoco. L'operazione, coordinata dai sostituti procuratori della Dda di Catania Antonino Fanara e Andrea Bonomo, ha interessato le province di Catania, Napoli, Palermo, Caserta, Ragusa, Bologna, Siracusa, Enna, Cosenza, Terni e Isernia. Le indagini erano state avviate nel 2006 dopo che all'aeroporto di Catania Fontanarossa, era stata arrestata una fotomodella di origine dominicana, proveniente dai Paesi Bassi con un chilo di cocaina suddiviso in 98 ovuli da lei ingeriti. I finanzieri sono risaliti ai fornitori e ai destinatari dello stupefacente, e di qui all'intera organizzazione di cui facevano parte anche soggetti organici ad associazioni mafiose, e stranieri. Da una parte, il clan catanese Pillera-Puntina, capeggiato da Francesco Ieni "'u Castoro", figlio del piu' noto Giacomo "Nuccio" Ieni, dall'altro il clan Laudani, capeggiato da Sebastiano Laudani nipote del capostipite. Questi ultimi si rifornivano di grosse partite di cocaina in Campania tramite esponenti di spicco del clan camorristico dei Gionta di Torre Annunziata, tra i quali il noto Pasquale Gionta, figlio del boss Valentino Gionta
Caserta Cronaca armi droga droga Carinola
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.