Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Uffici trasformati in abitazioni per venderli e pagare una maxi risarcimento da 700mila euro

03 / 10 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Raffica di interrogazioni consiliari nella seduta del primo ottobre a Teverola: dal mancato rinnovo della convenzione con la FAI (Federazione delle associazioni antiusura e antiracket italiane) alla mancata realizzazione delle opere di urbanizzazione primarie sulla lottizzazione “Salzano 2” che dopo diversi anni è ancora priva di pubblica illuminazione con il conseguente disagio dei residenti. E ancora: richiesta di chiarimenti sul fatto che da mesi il Comune trattiene dal canone mensile del servizio di igiene urbana circa duemila euro mensili per la sosta dei mezzi. Tutto regolare, se non fosse per il fatto che in realtà il servizio non è stato mai pagato a nessun soggetto terzo. Nella giurisprudenza si definisce arricchimento senza giusta causa. Sono stati come al solito i consiglieri comunali Dario Di Matteo e Maurizio Di Chiara a dare battaglia al sindaco Biagio Lusini. E commnentano: "La nota dolente poi è il regalo che per Natale tutti i teverolesi troveranno sotto l’albero. L’amministrazione comunale, dopo aver sfornato l’aumento della tassa sui rifiuti, delibera un altro aumento, quello dell’Imu. E così in un momento drammatico per l’economia di tante famiglie, invece di ricercare la quadra dei conti attraverso l’eliminazione di spese evitabili e di recuperare parte degli oneri di urbanizzazione mai versati, si decide di aumentare le tasse.  Dulcis in fundo, per pagare il debito relativo alla sentenza del TAR Campania che ha condannato il Comune a pagare oltre 700 mila euro per l’esproprio dell’area mercato, si è pensato bene di vendere gli alloggi di proprietà comunale inseriti nell’area PIP. Contemporaneamente è stata presentata una proposta per l’alienazione dei suddetti immobili che per effetto della norma in materia, ha fatto scattare un’altra procedura, relativa al cambio di destinazione d’uso, da uffici a residenziale. Dunque, gli immobili venduti o non, avranno il sicuro risultato di potere diventare regolari unità abitative, bypassando l’annoso problema di un utilizzo reale diverso da quello consentito dalla normativa".
Politica Teverola Piedimonte Matese Sant`Arpino Sant`Arpino Alife
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.