Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

USURA Donna in manette con 2 complici: trovato il 'libro mastro' ed almeno 30 vittime

25 / 01 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Nell'ambito delle indagini coordinate dai magistrati della Procura di Napoli Nord, gli uomini del commissariato di Aversa hanno arrestato un uomo ed una donna di 33 e 43 anni (posti ai domiciliari) ed hanno notificato un provvedimento di obbligo di dimora ad un altro uomo di 35 anni, tutti di Aversa, indagati per il reato di usura aggravata dallo stato di bisogno.

L'indagine che ha portato all'emissioni dei provvedimenti, nasce nel luglio 2015 quando, nel rione San Lorenzo di Aversa, furono tratti in arresto la donna colpita dal provvedimento odierno, il marito (ritenuto dagli investigatori esponente degli Scusuti, legata al clan Schiavone-Bidognetti) ed altre 7 persone, ritenute tutte dedite all'attività di spaccio.

Gli accertamenti hanno dimostrato che la donna, già prima del suo arresto, curasse personalmente le attività usuraie in quel rione, che ha poi continuato a svolgere anche in assenza del marito detenuto.

La donna si avvaleva della collaborazione di un uomo (anch'egli colpito dal provvedimento degli arresti domiciliari) appartenente alla famiglia dei Setacciari e dell'altra persona sottoposta all'obbligo di dimora. Il rinvenimento di un 'libro mastro' nell'abitazione della donna, nel corso della perquisizione del luglio scorso, a consentito un positivo sviluppo delle indagini nel corso delle quali la polizia è riuscita a ricostruire il vorticoso giro di affari che faceva capo agli indagati.

Le testimonianze acquisite agli atti dell'indagine hanno anche consentito di individuare circa 30 vittime di diversa estrazione sociale, per somme che variavano da poche decine a diverse migliaia di euro.

aversa arrestati usura san lorenzo donna scusuti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.