Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

VERSO LE POLITICHE | L' intervista a Claudio Cuomo, candidato di CasaPound

02 / 03 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Claudio Cuomo, 67 anni, è candidato per CasaPound nel collegio proporzionale di Caserta al numero. Si interessa di politica sin da giovanissimo. A 15 anni ha iniziato a militare nel movimento giovanile del MSI 'Giovane Italia, a 18 con il Fronte della Gioventù, poi MSI. “Il rinnovamento portato all’interno di un ambiente depresso e ghettizzato, l’estetica, l’etica, l’amore per la Nazione fatto senza alcun fine personale, mi hanno fatto entrare in CasaPound Italia, movimento per il quale mi candido alle elezioni politiche".

1 ) Quali sono le motivazioni che l’hanno spinta a candidarsi?

Il grande amore per la mia terra e per il suo popolo, la politica è una passione che mi scorre nelle vene fin da giovanissimo quando vedevo intorno a me troppe disuguaglianze e ingiustizie sociali, da quel momento ho pensato che per cambiare le cose avrei dovuto impegnarmi in modo diretto e concreto, mettendoci la faccia e ho trovato in CasaPound la risposta in quanto unico movimento che possa risollevare le sorti di tantissima gente.

2) Quali sono i punti di forza del vostro programma?

CasaPound ha il programma più concreto e realizzabile di tutti i partiti in lizza per le elezioni. A dirlo è uno studio dell’Istituto Cattaneo di Bologna. Il fine dello studio era quello di analizzare i contenuti dei singoli programmi, per capire quali siano le tematiche o le priorità sulle quali i partiti hanno deciso di concentrarsi. Punti principali sono: intervento dello Stato nei settori in crisi, stop all’immigrazione clandestina e reddito nazionale di natalità per far tornare gli italiani a fare figli.

 

3) Quali sono le primarie problematiche di Caserta e provincia che vorrebbe portare all'attenzione del Parlamento? 

Lavoro e immigrazione. Tematiche che possono essere risolte solo in maniera parziale a livello locale e per le quali serve una vera e propria svolta nelle politiche nazionali. Penso ad uno Stato che torni a stampare moneta senza dipendere dalle folli politiche europee, oltre a difendere i propri confini tornando ad instaurare una sovranità territoriale ormai persa.

 

4) Quali sono invece le potenzialità da sviluppare? 

Il turismo. Può essere volano di occupazione purchè si investa in servizi ed infrastrutture e che si mettano i turisti nella costante condizione di essere, nel migliore dei casi, importunati dai venditori abusivi fino a subire scippi e rapine come successo innumerevoli volte.
Le manifatture locali e prodotti del territorio: promuovere i nostri prodotti DOP e IGP valorizzandoli e tutelando medie e piccole imprese che rischiano di scomparire a seguito delle dannose conseguenze della globalizzazione.

 

5) Perché in definitiva un elettore dovrebbe votarla?

L'entusiasmo dei tanti Italiani che hanno firmato le nostre liste contribuendo a farci presentare in tutti i collegi ci dà la certezza che l’obiettivo del 3% è raggiungibile e per la prima volta una squadra di combattenti di CasaPound può entrare in Parlamento. Vogliamo un paese dove le ragioni degli italiani siano sempre prevalenti. Un paese che premi la natalità e dove casa e lavoro non siano un privilegio ma un diritto. Per fare questo bastano poche, chiare mosse: uscire dall'UE, battere moneta propria, introdurre misure come il reddito nazionale di natalità o il mutuo sociale 2.0, far sì che lo Stato riprenda le redini dell'economia.

 

6) Quanto è importante mantenere un contatto con il proprio territorio di appartenenza?

Mantenere il contatto con il territorio è di fondamentale importanza. Oggi molto spesso i parlamentari non hanno a cuore la città dove essi stessi sono nati, cresciuti e magari anche stati eletti, infatti basti pensare ai troppi parlamentari catapultati dall’alto ed eletti in regioni a loro del tutto sconosciute, di conseguenza non conoscendone i problemi non si applicano per la loro risoluzione.

claudio cuomo casapound
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.